fbpx
Pillole

Studentessa contrae HIV in laboratorio, quale cappa utilizzava?

Ormai tutti parlano della ricercatrice che si sarebbe contagiata con un virus #HIV durante gli studi presso l’Università

Povera ragazza😪

Ad ogni modo, ci sono pareri discordanti sul contagio ma una cosa è certa, lo ha contratto in laboratorio

Perché la tipologia di virus che gli hanno riscontrato viene creato in laboratorio e non è di quello trasmissibile tra gli esseri umani

C’è chi ipotizza anche una remota possibilità di trasmissione per via aerea e per quanto improbabile vorrei prendere spunto da questa ipotesi per parlare delle #cappedalaboratorio

Si perché nessuno ha mai parlato della cappa impiegata per tali lavorazioni

Probabilmente si da per scontato che sia una cappa di sicurezza biologica in classe2

Ma dalla mia esperienza spesso e volentieri sono in molti ad avere parecchie difficoltà a capire la differenza tra una semplice cappa biologica e una biohazard

Se messe vicine alcune cappe possono trarre in inganno anche i più esperti

E mi è capitato spesso vedere usare cappe errate

Ecco perché ho pubblicato una guida per l’acquisto di una cappa biohazard che trovi su Amazon in cui spiego tali differenze!

Intanto provo a farti qualche spunto valido ma ti consiglio la guida se vuoi approfondire

-devi sapere che una cappa in classe 2 ha la barriera frontale di protezione dell’operatore che una semplice cappa biologica non ha

-Poi una cappa biohazard ha sempre un filtro #Hepa H14 di alta efficienza pari a 99,995% o superiore posto in espulsione per proteggere anche l’ambiente

E questo filtro è optional sulle semplici cappe biologiche

-una cappa di sicurezza microbiologica dovrebbe presentare dei simboli come questo “☣️” ma anche qui è una mera indicazione e consiglio di fRe attenzione che alcuni costruttori, almeno in passato sono stati leggeri ad appicciare adesivi su cappe errate

-Ha un flusso laminare verticale e non orizzontale ovviamente, sembra una banalità per alcuni ma solo scrivo perché purtroppo mi è capitato di vedere operatori lavorare con cappe a flusso orizzontale #HLF (Horizontal Laminar Flow) per manipolazioni di virus o similari o addirittura con stanze chimiche

Allucinante ma vero!

E queste sono cappe che sparano in faccia agli operatori l’aria che respireranno inevitabilmente

Purtroppo certi racconti sono veramente tristi ma sono frutto di storie di laboratorio vere!

😎

Di seguito ti riporto il link dell’articolo che parla della Laureanda più nel dettaglio se vuoi approfondire:

https://www.google.it/amp/s/www.repubblica.it/salute/ricerca/2016/02/24/news/hiv_contagio_da_virus_generato_in_laboratorio_primo_caso_al_mondo-134142710/amp/

FacebooktwitterlinkedinmailFacebooktwitterlinkedinmail
Puoi raggiungere facilmente l'articolo con: https://www.chizard.it/VO3SH
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli Più Letti

To Top