fbpx
RSPP e cappe

RSPP condannati in Cassazione e se accade con le cappe?

Se anche tu ti sei trovato davanti al dilemma di avere un’azienda di manutenzione veramente valida ma di doverla far ruotare per forza 
a causa di leggi fatte con i piedi

allora potresti trovare interessanti spunti in queste righe che ti permetteranno di scegliere consapevolmente la soluzione piu’ adatta alle tue esigenze.


L’ RSPP (Responsabile del servizio di prevenzione e protezione) ha l’obbligo di disincentivare l’acquisto di un servizio più economico qualora questo comprometta la sicurezza dei lavoratori, rispondendone personalmente e in solido con il Datore di Lavoro, in caso di incidenti o infortuni!

LA CORTE DI CASSAZIONE HA INDICATO COME RESPONSABILE L’RSPP!

 

Ma prima di riportarti cosa ha detto la Corte di Cassazione, volevo raccontarti alcune mie esperienze di vita vera.

In passato ho lavorato per 13 anni in Polizia di Stato e sono stato personalmente davanti a Magistrati e Giudici tantissime volte

Ho imparato che quello che conta veramente, alla fine di ogni cosa, quando si è soli davanti a un magistrato, è cosa si può provare realmente con documentazione e fatti.

Oggi sento parlare della regola del principio di rotazione che le pubbliche amministrazioni devono applicare per far ruotare appunto le aziende fornitrici.

Questo potrebbe essere un bene nel momento in cui le aziende radicate siano scarse e complici di un sistema corrotto e malato di vecchio stampo mafioso ad esempio.

Ma quando l’azienda fornitrice è veramente molto seria, qualificata e preparata?

Quando l’azienda di manutenzione cappe ad esempio, è l’unica in grado di poter tutelare realmente i lavoratori offrendo un servizio degno di tale nome?

Ecco che come al solito una regola buona da una parte diventa fastidiosa e critica dall’altra!

Ecco che in un nanosecondo il Datore di Lavoro e il suo RSPP si vedono trascinati in un turbinio di responsabilità civili e penali non indifferenti in caso di incidenti o infortuni.

Se per il principio di rotazione infatti, la stazione appaltante deve escludere l’azienda seria e qualificata per far spazio a tutto il resto anche meno qualificato, i rischi diventano moltissimi.

Ma alla fine dei conti è il Datore di Lavoro ad avere l’ultima parola coadiuvato dal suo RSPP che ha l’obbligo di vigilare sulla scelta fatta, disincentivando eventuali affidamenti ad aziende più economiche ma che potrebbero compromettere la sicurezza dei lavoratori.

Riporto infatti la sentenza di CASSAZIONE n° 26993 del 2015
Qui puoi scaricare il PDF originale con il testo della Cassazione:


che cita testualmente:


“Le Sezioni unite hanno infatti affermato 5� che, in tema di infortuni sul lavoro, il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, pur svolgendo all’interno della struttura aziendale un ruolo non gestionale ma di consulenza, ha l’obbligo giuridico di adempiere diligentemente l’incarico affidatogli e di collaborare con il datore di lavoro, individuando i rischi connessi all’attività lavorativa e fornendo le opportune indicazioni tecniche per risolverli, all’occorrenza disincentivando eventuali soluzioni economicamente più convenienti ma rischiose per la sicurezza dei lavoratori, con la conseguenza che, in relazione a tale suo compito, può essere chiamato a rispondere, quale garante, degli eventi che si verifichino per effetto della violazione dei suoi doveri. (Sez. U, n. 38343 del 24/04/2014 – dep. 18/09/2014, P.G., R.C., Espenhahn e altri, Rv. 261107). “

Ricordo ancora quando la sicurezza e l’ordine Pubblico venivano prima di ogni cosa e il dirigente di turno scavalcava qualsiasi comando e legge perseguendo questo criterio perché la tutela delle persone è sovrana e di conseguenza si poteva tutelava anche lui in caso di Giudizio.

Le aziende non qualificate e specializzate che “TRUFFANO” i clienti, facendo finta di fare le verifiche sulle cappe, rilasciano dei foglietti di carta che non protegge dai rischi. 

Avere un protocollo di convalida come quello rilasciato dalla TECHNOCAPPE con all’interno evidenze fotografiche delle prove eseguite, criteri di accettazione, norme tecniche citate e aggiornate e valutazioni varie

permette all’RSPP nonché al datore di lavoro e a tutta la filiera di co-responsabili, di salvaguardarsi in caso di infortuni più o meno gravi.
Andare in udienza con due foglietti di carta straccia spillati che denotano chiaro come il sole che non vi sia sostanza, rischiano di far incorrere in sanzioni penali ed amministrative gravi.

Quindi ti consiglio di fare un’attenta ricerca iniziale, scegliere un’azienda più che certificata sulla manutenzione delle cappe e dopodiché difendere la tua posizione ad ogni costo perché poi sarai tu a stare seduto su quella sedia fredda e dura

Sarai tu a doverti difendere dagli attacchi della pubblica accusa in caso di incidenti o infortuni durante l’impiego di una cappa da laboratorio

Tu e solo tu con quello che potrai portare a riprova della buona fede e non solo!

Allora ti chiedo:

Immaginati per un istante, non puoi sapere se e quando ci sarà un infortunio ma preferiresti essere li sapendo che sei in regola e che hai fatto delle scelte consapevoli supportato da una documentazione di un certo livello oppure con i due foglietti lasciati da un’azienda che nel frattempo sarà tornata a fare manutenzione ai frullatori?

Ti ricordo cosa c’è scritto dietro la testa dei Giudici:
LA LEGGE NON AMMETTE IGNORANZA!

Quindi se vuoi salvarti, ti conviene prevenire e tutelarti per tempo!

Se non hai una società di assistenza tecnica seria e ti trovi nel LAZIO o CAMPANIA e zone limitrofe, ma soprattutto se hai destinato un budget veramente buono per tali manutenzioni, puoi iniziare a vedere la Technocappe con il suo sistema CAPPASICURA

www.technocappe.it

Se hai già un’azienda di assistenza tecnica, ti consiglio di verificare che effettivamente è in linea con i requisiti richiesti e che faccia al caso tuo.
Le persone simpatiche, alla mano e che conosci da anni, non è detto che siano anche competenti!

A tal proposito ti consiglio di scaricarti la guida per trovare e scegliere un’azienda che puoi scaricare da www.chizard.it inserendo una mail.
Forse non è aggiornatissima ma è sempre un valido spunto credimi.
 
Ti saluto
Se hai bisogno di me, sai dove trovarmi

Ciao
Fabrizio Cirillo
Il Boss delle cappe
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmailFacebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Puoi raggiungere facilmente l'articolo con: https://www.chizard.it/6JMKS
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × 3 =

Articoli Più Letti

To Top